IDENTITÀ IN CAOS - Sara Zoppo in collaborazione con IIS Perito-Levi

Collaborazione con l’I.I.S. ''Perito - Levi'':
Venerdì 15 Novembre, alle 21:00 secondo evento speciale dedicato alle arti visive realizzato in collaborazione con l’I.I.S....

L'INVIDIA

L'Invidia è un progetto che nasce dall'esigenza di Vittorio Mascolo, bassista e cantante dei Jack&Jin, di dar forma ai suoi pensieri e riflessioni sulle cose che lo circondano, sulla vita e sui...

I Cavalieri Dei Colori - Tributo a Claudio Baglioni

Il progetto ''I cavalieri dei colori - Tributo a Claudio Baglioni'' nasce nel 2018 dall'idea del suo cantante e fondatore Giuseppe Picaro, da sempre appassionato del grande cantautore romano....

QUEL VIAGGIO CHIAMATO AMORE II - Katia Stain (pittura)


ARTISTA:
La pittura di Katia Stain è una selva di citazioni pittoriche e letterarie che rivelano una sete di viaggi e di contaminazioni, un desiderio di pescare a piene mani nei segni degli altri e metterli in dialogo con i propri. Ne viene fuori una carrellata di visi e di incontri, di abbracci e di destini inabissati nell'inafferrabilità, che lungo il filo conduttore dell'amore aprono sguardi sul mondo pieni di delicatezza e di levità. La sensazione che si prova è che gli abitanti di queste tele vivide e viscerali abbiamo il desiderio di esplorare le infinite possibilità del due, della relazione tra sé e l'altro in tutti gli sterminati linguaggi che sono capaci di parlare e di inventare. In tutto ciò, come un fiume carsico che scorre sotto ogni cosa, come il suono lontano di uno strumento che pure non smette mai di suonare, si respira un senso di malinconia che a volte trasferisce gli sguardi su altri sipari, li affaccia su scene lontane come se altri richiami avessero la voce più forte e un mare che non si è ancora smesso di attraversare.
Katia Stain, pittrice lucana, comincia a disegnare sin dalla tenera età, ritraendo i suoi compagni di giochi e i membri della sua famiglia.
Solo più tardi approderà alla pittura grazie alla passione per la Storia dell'Arte ed in particolare alla sua grande ammirazione per i Maestri del '900.
Ha organizzato diverse personali e ha partecipato a svariate collettive nella sua realtà. Ha esposto a Roma, presso l'ambasciata Araba d'Egitto, ha partecipato alla Biennale di Salerno, a ''Notti Sacre d'Arte'', organizzata da Bibart a Bari, ottenendo la Menzione Speciale dei Giornalisti, alla collettiva L'Abbraccio, ad Angri (SA), ottenendo il premio ANGRI CITTÀ D'ARTE, e ad altre collettive in diverse città del Sud Italia. Ha partecipato alla Collettiva ''WOMEN IN ART'' a Bari con quattro sue opere e alla BIENNALE DI BARI.
Vive e lavora a Potenza.