The CJB Trio guest ANTONELLO ALTIERI (sax tenore)

Il musicista salernitano Antonello Altieri è considerato uno dei nuovi talenti del sax tenore nell’ambito della scena jazzistica nazionale. Vanta un’intensa attività concertistica nonché...

PICCOLA GALASSIA INSTABILE

Piccola Galassia Instabile è un’idea di interazione e scambio tra le parole di Andrea Doro e le atmosfere musicali di Antonio Maiuri.
Un’esplorazione collettiva attraverso pulsazioni...

The Troopers - Tributo agli Iron Maiden

Line-up:
Alessandro Granato: Bruce
Tony Musto: Adrian
Gianluca Di Marino: David
Dario Triestino: Steve
Vincenzo Criscuolo: Nico

...

POSTERS - Antonio Pappacoda (illustrazione digitale)


''There's someone in my head, bu it's not me.''
(Roger Waters)

Ispirato dallo stile minimale delle locandine cinematografiche degli anni '60, l'autore rappresenta visivamente la caratteristica evocativa delle canzoni dei Pink Floyd.

ARTISTA:
Antonio Pappacoda nasce a Crema (CR) il 22 dicembre del 1981. Sin dalla sua adolescenza si interessa alla fotografia e al disegno, in quanto la pratica della fotografia analogica, gli fu utile alla comprensione dello studio basilare e degli ambienti, sopratutto di quelli architettonici e industriali. In seguito, dalla fotografia analogica avvenne la naturale evoluzione verso la fotografia digitale: utile proprio allo scopo di unire analisi fotografica, al personale concetto creativo dell'immagine. Difatti i soggetti delle prime opere grafiche variano sui temi spaziando dal ritratto, alla fotografia paesaggistica e alla foto di soggetti architettonici.
Successivamente alla fotografia l'artista comincia a nutrire interesse verso la grafica pubblicitaria, verso quindi un immagine più semplice e diretta e al tempo stesso comunicativa.
Sui soggetti precedentemente fotografati, viene applicata la tecnica del ricalco dinamico, che consiste nel ridisegnare in vettoriale, mediante software dedicati, delle silhouette sui contorni delle forme evidenziate dai contrasti elevati.
Ispirato dagli stili minimali delle locandine cinematografiche degli anni '60 (Saul Bass, Maurice Binder), Pappacoda costruisce una nuova possibilità creativa; nascono dal 2009 alcune opere ispirate a diversi classici del cinema quali ''Star Wars'', ''Tron'', ''Toro scatenato'' e ''2001 – Odissea Nello Spazio''.
A seguito di questi tentativi di interpretazione delle locandine cinematografiche, si è creata, tra il 2010 e il 2012, l'occasione per rappresentare visivamente la caratteristica evocativa delle canzoni dei Pink Floyd, creando locandine inedite che richiamano ora un film western, un thriller o un film di fantascienza.

Contatti:
https://it.pinterest.com/papps/pink-floyd-movie