The CJB Trio + Jam Session Riservata

The CJB Trio + Jam Session Riservata

WNC7: esibizione dei PARAMOUNT (primi classificati)

I PARAMOUNT con 476 punti si aggiudicano il primo posto nella classifica finale del WNC7.
Registrazione e produzione, presso il LUMA Studio, di un EP di...

I Soliti - Tributo a Vasco Rossi

I SOLITI ripercorrono la carriera del Rocker di Zocca dai primi album ad oggi...
Lo scopo è divertirsi e far vivere le emozioni delle canzoni di VASCO...
Con uno spettacolo di oltre 2 ore...

THINKS... DRAWS... MAKE - FAN Tech (tecnologie)


''Un uomo d’ingegno sa di possedere sempre molto, non si rammarica di dover dividere con altri''.
(A. Solženicyn)

Le stampanti 3D sono ormai conosciute da molti, ognuno di noi ne ha vista una all’opera o almeno, ne ha sentito parlare. Tuttavia le informazioni rispetto a questo mondo sono poco note. Ed è proprio questa la missione della FAN Tech : informare l’opinione pubblica sulle immense potenzialità di questa tecnologia. Ma andiamo per gradi.
Tutto ebbe inizio nel 1982 quando un certo Chuck Hull inventò la stereo litografia e fondando la ''3D System'', azienda ancora oggi leader nel settore, diede vita al primo esempio di rapid prototyping . Lui gettò le basi per tutti coloro che seguirono, infatti il suo concetto è ancora oggi valido. Nel corso degli anni molti gruppi di ricercatori studiarono le idee del buon Chuck, sviluppando nuovi sistemi fino ad arrivare al 1986, anno in cui il signor Crump brevettò la ''fused deposition modeling'' (FDM).
L’ FDM funziona secondo il ''principio additivo'': consiste nel posare strati di materiale l’uno sopra l’altro. I filamenti plastici o di altri materiali vanno in questo modo, layer dopo layer, a formare l’oggetto. Questa tecnologia è oggi alla base della stampa 3D.
Facciamo, ora un salto di quasi 20 anni per arrivare al 2005, in questo periodo si ha la vera è propria svolta. Un gruppo di ricercatori inglesi grazie al principio del ''Self replicating rapid Prototyper'' creò la prima stampante 3D che replicava se stessa. Eccezionale. L’ importanza di un avvenimento del genere consiste nel dare in mano a migliaia di giovani sognatori la chiave per sviluppare la propria passione. Dal 2005 in poi sono nate centinaia di stampanti 3D che anche grazie alle piattaforme di Crowdfounding di Kickstarter e Indiegogo trovarono finanziatori.
Un altro aspetto da non sottovalutare è l’ ''Open Source'' che caratterizza il mondo della stampa 3D. La condivisione infatti è l’aspetto primario di questo che per tanti è diventato un lavoro e una vera e propria fonte di guadagno. Molti designer e sviluppatori mettono in rete i loro progetti o programmi per il semplice gusto di condividere il sapere acquisito. Questo è un aspetto determinante.
Questo è il sentimento che guida i passi della FAN Tech, ogni giorno. Grazie a questa lungimiranza oggi possiamo mettere a disposizione di tutti un mondo nel quale l’ unico limite è la fantasia e ne siamo orgogliosi. In conclusione non esiste una conclusione, qualcuno parla di ''Terza rivoluzione industriale'' e io da inguaribile sognatore condivido questa visione. Poco altro resta da dire, se non che è evidente come tutto questo cambierà le nostre vite in maniera radicale. Vi aspettiamo nel nostro laboratorio in via Salerno, 10 a Battipaglia , dove potrete assistere al cambiamento. ''Un uomo d’ ingegno sa di possedere sempre molto, non si rammarica di dover dividere con altri''.
(A. Solženicyn)